Coordinamento Ministero Politiche Agricole – Coldiretti choc: 60 miliardi di euro dal falso made in Italy

7 Ott 2015
Ministero delle Politiche Agricole
0 Comment
Tarocco-Made-in-Italy-in-China

Si annunciano nuovi tagli allo Stato e per i Dipendenti della PA.

Contratti bloccati dal 2009 anche dopo una recente sentenza della Corte Costituzionale; formazione che viene centellinata sino a risultare irrilevante; concorsi interni bloccati; straordinari inesistenti; buoni pasti elettronici: chi più ne ha più ne metta.

Come premio, noi Dipendenti dello Stato, stiamo per ricevere una bella pagella che serve solo per “punire” e che ci lega ancora di più al Dirigente o Politico di turno e quindi con la seria possibilità di una PA non più imparziale.

Ma come si giustificano questi tagli?

Come sempre: i soldi non ci sono.

A si?

Eppure proprio l’altro giorno la COLDIRETTI ha certificato che il falso “Made in Italy” ci crea una danno per circa 60miliardi di euro l’anno – http://www.coldiretti.it/News/Pagine/698-–-5-Ottobre-2015.aspx .

Avete letto bene: 60miliardi di euro l’anno.

Invece di massacrare lo Stato magari anche con idee bizzarre di “Flat Tax” con percentuali che distruggerebbero quel pochissimo di Stato che rimane perché non recuperare e lottare in Europa affinchè questo danno mostruoso non finisca immediatamente?

Come se non bastasse leggiamo di dare incentivi ai “giovani agricoltori” per rimettere in moto l’Agricoltura e ragazzi nei campi.

Ottimo idea: ma le quote dove le mettiamo?

Se poi i “giovani agricoltori” sono costretti a buttare, ad esempio, migliaia di tonnellate di “Agrumi di Sicilia”, perché dobbiamo importare agrumi dal Marocco, a che cosa servono questi “contributi”?

Difficile pesare che posa trattarsi di un lavoro “duraturo” o di un “contributo efficace” che abbia una ripercussione nel tempo.

In tutto questo, nel Bel Paese che ha inventato la “pummarola”, arriva questo servizio de “Le Iene” che ti fanno cadere le braccia a terra e ti interroghi su che cosa mangiamo – http://www.iene.mediaset.it/puntate/2015/09/27/toffa-quando-il-pomodoro-cinese-diventa-made-in-italy_9601.shtml .

I medici una volta non dicevano “siamo quel che mangiamo”?

Intanto continuano imperterriti i tagli ai Dipendenti dello Stato e continuiamo a importare “pesticidi alimentari” da mettere sulle nostre tavole nel piatto dei nostri figli.

Come diceva il titolo di un famoso programma “Il Pranzo è servito”.

Il Coordinatore Nazionale Ministero Politiche agricole

Maurizio Guarino

 

 

Written by  @Cisal-Fpc

Lascia un commento